Chi può chiedere un referendum?

Quando può essere indetto un referendum?

L’art. 138 della Costituzione prevede la possibilità di richiedere il referendum costituzionale dopo la seconda votazione da parte delle camere di una legge di revisione costituzionale o di una legge costituzionale.

Chi può richiedere un referendum confermativo?

Si procede ad un referendum confermativo di una legge costituzionale nel caso in cui entro tre mesi dalla pubblicazione della legge stessa, ne facciano richiesta un quinto dei membri di una camera, oppure 500.000 elettori oppure cinque consigli regionali.

Quante firme sono necessarie per richiedere un referendum?

“Il popolo esercita l’iniziativa delle leggi, mediante la proposta, da parte di almeno cinquantamila elettori, di un progetto redatto in articoli” (art. 71 della Costituzione).

Come funziona un referendum?

Con il referendum si può richiedere ad un corpo elettorale il consenso o dissenso rispetto a una decisione riguardante singole questioni; si tratta dunque di uno strumento di democrazia diretta, che consente agli elettori di pronunciarsi senza nessun intermediario su un tema specifico oggetto di discussione.

Quando si raggiunge il quorum?

Descrizione. Il quorum viene solitamente previsto nei casi in cui si voglia evitare che un’esigua minoranza di elettori possa prendere decisioni riguardanti l’intera collettività.

Cosa dice l’articolo 7 della Costituzione?

Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani. I loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi. Le modificazioni dei Patti, accettate dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale [cfr. art.

Chi sono i soggetti che possono chiedere il referendum nel procedimento di formazione della legge di revisione costituzionale?

Entro tre mesi dalla pubblicazione, un quinto dei membri di una Camera, cinquecentomila elettori o cinque consigli regionali possono chiedere che sia sottoposta a referendum confermativo (cosiddetto referendum costituzionale); la legge è promulgata solo se è stata approvata dal corpo elettorale con la maggioranza dei

Cosa si intende per maggioranza assoluta?

Un’opzione consegue la maggioranza assoluta se ottiene un numero di voti superiore alla metà del numero totale degli aventi diritto al voto. Detto in altri termini, la maggioranza assoluta è conseguita dall’opzione che raggiunge un quorum funzionale fissato in più della metà degli aventi diritto al voto.

Quanti elettori occorrono per poter presentare una proposta di legge in Parlamento?

Il popolo esercita l’iniziativa delle leggi, mediante la proposta da parte di almeno cinquantamila elettori di un progetto redatto in articoli.

Chi dichiara l abrogazione di una legge?

Il legislatore può abrogare una legge nei seguenti modi: Abrogazione espressa. Il legislatore emana una nuova norma giuridica che dichiara la cessazione dell’efficacia di una norma (o legge) precedente. Abrogazione tacita.

Cosa si intende per maggioranza qualificata?

Un’opzione consegue una maggioranza qualificata se ottiene un numero di voti maggiore o uguale a un quorum funzionale fissato in una frazione superiore alla metà del numero totale dei votanti o degli aventi diritto al voto. Le frazioni di solito utilizzate per fissare tale quorum sono 3/5, 2/3, 3/4 e 4/5.

Che cos’è il quorum per il referendum abrogativo?

Perché il referendum sia valido deve essere raggiunto il quorum di validità e cioè devono partecipare alla votazione la maggioranza degli aventi diritto al voto. Perché la norma oggetto del referendum stesso sia abrogata deve essere raggiunta la maggioranza dei voti validamente espressi.

Perché l’art 7 della Costituzione italiana e di fondamentale importanza nel regolare i rapporti tra Stato e Chiesa?

L’articolo in esame sancisce innanzitutto l’originarietà dell’ordinamento della Chiesa Cattolica, attribuendo ad essa l’indipendenza e la sovranità, tipica degli ordinamenti statali. I rapporti tra l’ordinamento statale e clericale sono regolati dai Patti Lateranensi, stipulati l’11 febbraio del 1929.

Perché l’articolo 7 suscitò molte discussioni?

7, uno degli articoli più discussi della Costituzione italiana. La sua approvazione fu preceduta da un aspro confronto tra i Costituenti, che fece emergere il profondo divario politico e culturale tra l’anima laica e quella cattolica dell’Assemblea.

Cosa dice l’articolo 139 della Costituzione?

L’articolo 139 della Costituzione italiana afferma che “la forma repubblicana non può essere oggetto di revisione costituzionale.”

Chi può emanare atti aventi forza di legge?

Che cosa significa “Atti del Governo aventi forza di legge“? Sono i decreti legislativi, che vengono emanati dal Governo su delega del Parlamento (art. 76 Cost.) e i decreti-legge, ossia atti che hanno valore e forza di legge provvisori (se non sono convertiti in legge entro 60 giorni, perdono efficacia, art.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.