Qual è l’auto di supercar?

Qual è la macchina di supercar?

KITT, la supercar intelligente KITT non è altro che una Pontiac Firebird Trans Am interamente verniciata di nero all’esterno e dotata di accessori futuristici all’interno, tra cui l’intelligenza artificiale che le permette di parlare e avere atteggiamenti come un essere umano.

Quanto costa una KITT supercar?

40.000 euro
Fiore all’occhiello anche il motore, un Knight Rider KITT V8 da 5 litri. Piccola “chicca” da non sottovalutare: la carrozzeria è firmata dallo stesso Hasselhoff. La macchina ha percorso poco più di 150mila km. Il prezzo, al momento in cui scriviamo, si aggira sui 40.000 euro.

Quanto costa una replica di KITT?

40.000 euro
Il costo di una replica di Kitt può variare dai 10.000 ai 40.000 euro e negli ultimi anni, questi valori sono in continua crescita vista la scarsa reperibilità di Pontiac Trans Am in buone condizioni (stiamo parlando di un’auto che può avere dai 18 agli oltre 27 anni di età!).

Dove si trova la vera KITT?

Luogo dove Kitt risiede alla Fondazione a Sansepolcro nel Knight Rider.

Che auto è quella di kit?

KITT, acronimo di Knight Industries Two Thousand, è una Pontiac Trans Am del 1982, una tipica vettura americana appartenente alla categoria delle pony car, ossia le muscle car più piccole. I produttori per trasformarla nella Kitt che tutti conosciamo hanno ovviamente lavorato sulla dotazione.

Quanti cavalli ha KITT?

I motori andavano dal 2.5 litri da circa 90 cavalli al 5 litri V8 da oltre 170 cavalli. Cambio manuale a 4 rapporti o a 3 automatico. Velocità massima con il motore più potente circa 190 Km/h, ma nel telefilm raggiungeva velocità nettamente superiori.

Che macchina è quella di kit?

Si tratta di K.I.T.T., acronimo di Knight Industries Two Thousand, l’auto derivata da una Pontiac Firebird Trans Am, protagonista di “Supercar”, iconico telefilm degli anni Ottanta. Noto negli USA come “Knight Rider” e interpretato da David Hasselhoff, che trovò la fama ben prima di “Baywatch”.

Chi è Marco Valleggi?

Marco Valleggi è un giovane scienziato di Pisa appassionato del telefilm, che ha ricostruito l’auto, dotandola di una serie di funzioni proprie di un’automa con intelligenza artificiale. Marco ha compiuto un fine lavoro d’ingegneria e ha dato una voce all’auto dei suoi sogni.

Chi guidava la macchina di supercar?

Michael Knight
Nessun effetto speciale o radiocomandi, bensì uno stuntman che, “vestito” da sedile e posizionato al posto dello schienale, guidava la celebre Pontiac di Michael Knight con uno speciale volante supplementare posizionato in basso. Tutti lo sapevano ma è bene precisarlo: KITT non si pilotava da sola.

Chi guida KITT?

KITT
Tipo automobile
Costruttore Knight Industries
Pilota/i Michael Knight

Che motore montava KITT?

KITT (Knight Industries Two Thousand / Industrie Knight 2000) è il nome della celebre macchina nera parlante del telefilm KITT SUPERCAR, prodotto tra il 1982 ed il 1986, con diversi allestimenti per ogni serie televisiva realizzati appositamente su veicoli Pontiac TransAm FireBird e con motore Camaro 5.700 V8.

Come guidavano KITT?

Nessun effetto speciale o radiocomandi, bensì uno stuntman che, “vestito” da sedile e posizionato al posto dello schienale, guidava la celebre Pontiac di Michael Knight con uno speciale volante supplementare posizionato in basso.

Che lavoro fa Marco Valleggi?

A guidarla non c’è più Michael, l’eroe della fortunata serie televisiva, ma Marco Valleggi, toscano, ingegnere, che per lavoro si occupa di 3D per spot pubblicitari che vanno in onda sulle reti nazionali ed estere.

Come faceva supercar a guidare da sola?

Nessun effetto speciale o radiocomandi, bensì uno stuntman che, “vestito” da sedile e posizionato al posto dello schienale, guidava la celebre Pontiac di Michael Knight con uno speciale volante supplementare posizionato in basso.

Dove vive Marco Valleggi?

Vive a Pisa e nei weekend si fa un sacco di scorribande sulle colline del Chianti. A guidarla non c’è più Michael, l’eroe della fortunata serie televisiva, ma Marco Valleggi, toscano, ingegnere, che per lavoro si occupa di 3D per spot pubblicitari che vanno in onda sulle reti nazionali ed estere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.